TORECAN - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


SERVIZI E UTILITA'


RICERCA FARMACO

Ricerche frequenti: Nicetile | Debridat | Microser | Vertiserc | Seki Sciroppo Tosse | Klacid 500 Antibiotico |
FOGLIETTO ILLUSTRATIVO TORECAN

TORECAN

NOVARTISFARMA SpA
CONCESSIONARIO:
MIPHARM SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Tietilperazina maleato 10,276 mg (pari a 6,5 mg di base).
ECCIPIENTI:
Confetti: gomma arabica, gelatina, talco, acido stearico, amido di mais, lattosio, sac-carosio, (betacarotene, olio di arachidi. Supposte: lattosio monoidrato, gliceridi semisintetici
solidi.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Derivato fenotiazinico, con potente attivita` antiemetica e anti-vertiginosa.
INDICAZIONI:
Vertigini conseguenti ad arteriosclerosi, traumatismi cranici, sindrome cervicale,affezioni dell`orecchio interno, sindrome di Me`nie`re, ecc. Nausea e vomito in corso di affezioni gastrointestinali ed epatiche, di uremia, di gravidanza, dopo radioterapia ed interventi chirurgici(e` ugualmente utile a titolo preventivo), in traumatismi cranici, emicrania, ecc.
CONTROINDICAZIONI:
Ipersensibilita` alle fenotiazine. Stati comatosi e gravi stati di depressione,turbe della emopoiesi, affezioni epatiche. Non dovrebbe essere somministrato ai soggetti al di sotto dei 15 anni, poiche` sono particolarmente predisposti a disturbi di tipo extrapiramidale.
EFFETTI INDESIDERATI:
Gli effetti indesiderati che possono osservarsi dopo somministrazione di feno-tiazinici sono i seguenti: Reazioni extrapiramidali (prevalentemente sintomi di tipo discinetico,
crisi oculogire, difficolta` nella deglutizione e nel parlare, spasmi muscolari). Tali sintomi comunialle fenotiazine si presentano raramente con Torecan e generalmente solo nei pazienti ipersensibili di piu` giovane eta`. Tuttavia essi rispondono prontamente al trattamento con farmaci anti-Parkinson o al trattamento endovena con caffeina e benzoato di sodio. In molti casi questi sintomi scompaiono rapidamente con la cessazione della terapia. Reazioni allergiche: con le fe-notiazine sono state riportate eccezionalmente e caratterizzate da fenomeni cutanei localizzati o diffusi (piu` raramente si tratta di idiosincrasie con febbre) quali eritema, prurito, orticaria, ec-zema, edemi localizzati, fenomeni di fotosensibilizzazione, dermatite esfoliativa. Rare le crisi asmatiche. Tuttavia, con Torecan non sono mai state segnalate fino ad oggi reazioni allergicheal farmaco. Altre manifestazioni: lieve insonnia, stati di eccitamento paradossale, ipotensione arteriosa, tachicardia, secchezza delle fauci, congestione nasale, stipsi, visione confusa. Siapure con frequenza estremamente bassa sono stati descritti a seguito di trattamento con fenotiazinici, danni a carico del fegato con ittero e della crasi ematica con agranulocitosi e trombo-citopenia. E` comunque da tenere in conto che alle posologie e metodologie d`impiego consigliate per Torecan (trattamento sintomatico della nausea, vertigini e vomito), la maggiorparte degli effetti indesiderati sopra descritti e possibili per le fenotiazine utilizzate alle dosi neurolettiche, non sono praticamente mai stati riscontrati con Torecan, cosi` come non sono statiriferiti casi di discinesia tardiva persistente talora verificatisi, invece, con l`uso di fenotiazinici in dosi molto elevate.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Come per tutti i neurolettici i pazienti trattati devono essere tenuti sottodiretto controllo medico, in particolare quelli che in precedenza hanno manifestato una sensibilita` abnorme alle fenotiazine, anche se fino ad ora non sono mai state segnalate reazioni al-lergiche a Torecan. Particolare attenzione va posta nei pazienti affetti da feocromocitoma oppure da insufficienza mitralica per gli eventuali effetti ipotensivi che si possono verificare. Gliepisodi ipotensivi con Torecan sono rari; tuttavia, qualora si presentassero, possono essere controllati con noradrenalina, angiotensina o fenilefrina (non adrenalina, la cui azione puo` es-sere antagonizzata dalle fenotiazine). Un notevole rialzo della temperatura corporea puo` essere l`espressione di una reazione idiosincrasica e pertanto il trattamento deve essere interrotto, an-che se con Torecan alle posologie consigliate non e` mai stato osservato alcun innalzamento della temperatura. Le fenotiazine possono aumentare lo stato di rigidita` muscolare in individuipredisposti o gia` affetti da morbo di Parkinson o da forme Parkinson-simili, o da altri disturbi motori. In pazienti con insufficienza renale e in pazienti con disturbi del Sistema Nervoso Cen-trale, il prodotto puo` indurre manifestazioni neurotossiche, a dosi superiori a quelle consigliate.
AVVERTENZE SPECIALI:
USO DURANTE LA GRAVIDANZA E L`ALLATTAMENTO. Come per tutti i farmaci, durantela gravidanza e l`allattamento al seno, Torecan va somministrato solo in caso di effettiva necessita` e sotto il controllo medico. I prodotti antiemetici in genere devono essere somministrati ingravidanza soltanto nei casi di sintomatologia conclamata, per la quale non sia possibile un intervento alternativo e non nei frequenti e semplici casi di emesi gravidica e tanto meno con finipreventivi di essa. E
FFETTI SULLA CAPACITA` DI GUIDARE E SULL`USO DI MACCHINE Il prodotto deve es-sere usato con cautela dai pazienti addetti all`uso di macchinari e dagli automobilisti poiche`,
come ogni altro medicamento attivo sul S.N.C., puo` modificare i tempi di reazione.
INTERAZIONI:
L`associazione con altri psicofarmaci richiede particolare cautela e vigilanza daparte del medico ad evitare inattesi effetti indesiderabili da interazione. In concomitanza con la
somministrazione di Torecan, se il paziente e` in trattamento con un anticonvulsivante, puo` es-sere richiesta una dose maggiore di questo farmaco. Poiche` le fenotiazine possono accentuare l`azione deprimente sul Sistema Nervoso Centrale degli oppiacei, degli antistaminici, degli anal-gesici e dei barbiturici, il dosaggio di questi farmaci, se impiegati contemporaneamente, dovra` essere opportunamente adattato. La sensibilita` all`alcool, all`atropina, agli insetticidi fosforici ri-sulta accentuata durante la terapia con fenotiazine. Torecan e` da usarsi solo se strettamente necessario e con estrema cautela in associazione con i farmaci deprimenti il S.N.C. sopraindi-cati.
POSOLOGIA:
1 confetto o 1 supposta da 1 a 3 volte al giorno. I confetti devono essere assunti astomaco vuoto, per periodi di tempo non lunghi e con larghi intervalli fra tali periodi.
SOVRADOSAGGIO:
Sintomi: Torpore, stati confusionali seguiti nei casi piu` gravi da coma e perditadi riflessi; tachicardia, ipotensione posturale, collasso; depressione respiratoria; agitazione, reazioni distoniche acute, convulsioni. Trattamento: Non esiste antidoto. Le misure generali disupporto comprendono la lavanda gastrica seguita dalla somministrazione di carbone attivo e, se necessario, il monitoraggio delle funzioni cardiovascolare e respiratoria. Trattamenti sinto-matici: Ipotensione acuta: somministrare plasma expanders; se e` necessario somministrare un farmaco vasopressorio (non adrenalina), e` necessario monitorare attentamente la funzione car-diovascolare. Reazioni distoniche acute: somministrare farmaci anti-Parkinson. Convulsioni: somministrare benzodiazepine.


Versione Stampabile
LINK SPONSORIZZATI