SUADIAN - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


RICERCA FARMACO

Ricerche frequenti: Nicetile | Debridat | Microser | Vertiserc | Seki Sciroppo Tosse | Klacid 500 Antibiotico |

SERVIZI E UTILITA'

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO SUADIAN

SUADIAN

SCHERING SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Crema: 1 g contiene: naftifina cloridrato 10 mg. Soluzione e nebulizzatore: 1g contiene naftifina cloridrato 10 mg.
ECCIPIENTI:
Crema: Sodio idrossido, alcool benzilico, sorbitano monostearato,cetilpalmitato, al-cool cetilico, alcool stearilico, polisorbato 60, isopropilmiristato, acqua depurata. Soluzione e nebulizzatore: glicole propilenico, alcool etilico, acqua depurata.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antimicotico.
INDICAZIONI:
Infezioni micotiche della cute (dermatomicosi) e delle unghie (onicomicosi), cau-sate da dermatofiti, lieviti, muffe.
CONTROINDICAZIONI:
Ipersensibilita` al principio attivo o ad uno o pu` dei singoli eccipienti.
EFFETTI INDESIDERATI:
Occasionalmente, sull`area di applicazione, si possono manifestare transitoriepisodi di irritazione locale quali arrossamento, prurito e sensazione di bruciore. Raramente,
comunque, essi rendono necessaria la sospensione del trattamento.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Sono indicati esclusivamente per uso esterno. Si raccomanda di evitarela loro applicazione sul contorno degli occhi. E` necessario tenere presente che il gel e la soluzione, contenendo alcool, possono causare irritazione se applicati su ferite aperte, abrasioni,ecc. In tali casi si consiglia l`uso della crema. L`uso del prodotto, specie se prolungato, puo` dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tale caso occorre interrompere il trattamento ed isti-tuire una terapia adeguata.
AVVERTENZE SPECIALI:
Uso durante la gravidanza e l`allattamento: benche` l`assorbimento percutaneodel principio attivo sia di trascurabile entita`, nelle donne in stato di gravidanza e durante l`allattamento si consiglia di impiegare Suadian solo in caso di effettiva necessita` e sotto il direttocontrollo del medico.
INTERAZIONI:
Per quanto non siano riportate in letteratura interazioni medicamentose della naf-tifina con altri farmaci, non e` consigliabile la somministrazione contemporanea di altri farmaci per uso topico.
POSOLOGIA:
Il prodotto va applicato normalmente una solo volta al giorno (alla sera). E` tuttaviapossibile qualora il medico lo ritenga opportuno, applicare il prodotto 2 volte al giorno (mattino
e sera). Prima dell`applicazione le aree colpite vanno accuratamente deterse e lasciate asciu-gare. La crema ed il gel vanno applicate in strato sottile sulla cute infetta e sull`area circostante e fatti penetrare con un lieve massaggio. Nel caso di infezione degli spazi intertriginosi (spaziinterdigitali, pieghe gluteali, inguinali, sottomammarie), lo strato applicato puo` essere protetto con una garza, particolarmente nel corso della notte. La crema e` indicata per il trattamento dellemicosi localizzate nelle pieghe cutanee e sulla cute glabra o con scarsa copertura pilifera. La soluzione e` indicata in modo particolare per il trattamento delle zone cutanee ricoperte da pelie nelle otomicosi. La soluzione da nebulizzare (nebulizzatore) e` indicata per il trattamento di infezioni cutanee particolarmente estese, anche se localizzate al cuoio capelluto o interessantizone pilifere. Durata del trattamento: il miglioramento dei sintomi clinici si verifica in genere entro pochi giorni; tuttavia, poiche` i reperti colturali e microscopici possono rimanere positivi perun certo periodo di tempo, il trattamento andrebbe protratto per almeno 2 settimane dopo l`avvenuto accertamento della guarigione clinica. L`uso irregolare o la prematura sospensione deltrattamento comportano il rischio di ricadute. Qualora pero` non vi siano segni di miglioramento dopo 4 settimane si dovrebbe verificare la diagnosi.
SCADENZA E NORME DI CONSERVAZIONE:
Crema: conservare a temperatura non superiore a 25-oC.


Versione Stampabile