NIZACOLCREMA - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


RICERCA FARMACO

Ricerche frequenti: Nicetile | Debridat | Microser | Vertiserc | Seki Sciroppo Tosse | Klacid 500 Antibiotico |

SERVIZI E UTILITA'

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO NIZACOLCREMA

NIZACOLCREMA

BENEDETTI SpA
CONCESSIONARIO:
I.S.I. Spa
PRINCIPIO ATTIVO:
100 g contengono: miconazolo nitrato 2 g
ECCIPIENTI:
Palmito stearato di dietilenglicol e poliossietilenglicol, gliceride oleico poliossietileni-co, olio di vasellina, metile p-idrossibenzoato, butilidrossianisolo, acqua deionizzata.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antimicotico per uso ginecologico.
INDICAZIONI:
Infezioni vulvo vaginali da candida. Per la sua attivita` antibatterica sui germi gram-positivi, Nizacol puo` essere utilizzato per il trattamento delle micosi con superinfezioni sostenute da tali microorganismi.
CONTROINDICAZIONI:
Ipersensibilita` individuale accertata verso il farmaco.
EFFETTI INDESIDERATI:
Il trattamento locale e` di norma ben tollerato. Alcuni disturbi sono riferiti nelleprime settimane di terapia con miconazolo: bruciore ed irritazione vaginale, crampi pelvici, piu`
raramente eruzioni cutanee e cefalea. In questi casi e` necessario sospendere il trattamento edistituire una terapia idonea. Nizacol non macchia la pelle ne` la biancheria.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato in casidi effettiva necessita`, sotto il diretto controllo del medico.
AVVERTENZE SPECIALI:
I preparati per uso topico, specie se usati per trattamenti prolungati, possonodare origine a fenomeni di sensibilizzazione. Ove cio` accada, e` necessario interrompere il trattamento ed istituire una nuova terapia idonea.
POSOLOGIA:
Introdurre il contenuto dell`applicatore, pari a circa 5 g di pomata, profondamentein vagina una volta al giorno, preferibilmente la sera, prima di coricarsi. Il trattamento deve essere proseguito per due settimane, anche dopo la scomparsa del prurito e della leucorrea. Incaso di mancato effetto, e` opportuno ripetere gli accertamenti microbiologici per confermare la diagnosi. L`introduzione dell`applicatore in vagina e` indolore e facile da eseguirsi. Dopo averperforato la chiusura del tubo con la punta del cappuccio, avvitare al tubo l`applicatore e riempirlo, esercitando una leggera pressione all`estremita` del tubo. Svitare dal tubo l`applicatore, in-trodurlo profondamente in vagina (e` preferibile assumere una posizione distesa, ginocchia allargate e sollevate) e spingere il pistone a fondo nel cilindro. Lavare ogni volta l`applicatorecon acqua tiepida e sapone neutro dopo l`uso.


Versione Stampabile