MACRODANTIN - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


RICERCA FARMACO

Ricerche frequenti: Nicetile | Debridat | Microser | Vertiserc | Seki Sciroppo Tosse | Klacid 500 Antibiotico |

SERVIZI E UTILITA'

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO MACRODANTIN

MACRODANTIN

GEYMONATSpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Nitrofurantoina.
ECCIPIENTI:
Lattosio anidro, amido di mais, talco, gelatina, titanio biossido (E 171), giallo chino-lina (E 104).
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Chemioterapico antimicrobico delle vie urinarie.
INDICAZIONI:
E`indicato per il trattamento delle infezioni delle vie urinarie dovute a ceppi sensibilidi E. coli, Enterococchi, S. aureus (non e` indicata per il trattamento di ascessi renali corticali o
perineali concomitanti) e ad alcuni ceppi di Klebsiella, Enterobacter e Proteus.
INDICAZIONI TERAPEUTICHE:
cistite, pielite, pielonefrite, infezioni post-operatorie del tratto genito-urinario, partico-larmente dopo indagini strumentali e dopo prostatectomia. E` indicato nel trattamento delle
infezioni del tratto urinario in gravidanza. Gli studi condotti sul feto dimostrano che Macrodantinnon determina alcun aumento dell`incidenza di anomalie congenite. Cio` e` confermato da 25 anni di uso clinico di nitrofurantoina. E` comunque noto che si deve sempre somministrare concautela alle pazienti gravide. I
MPIEGO PREVENTIVO:
come trattamento per la profilassi di infezioniin corso di cateterizzazioni o di manovre strumentali delle vie urinarie. Per prevenire reinfezioni
in soggetti predisposti.
CONTROINDICAZIONI:
Anuria, oliguria o danno significativo della funzionalita` renale (clearancedella creatinina inferiore a 40 ml/min). Il farmaco e` controindicato in eta` pediatrica e in pazienti
gravide a termine a causa della possibilita` di anemia emolitica dovuta ad immaturita` dei sistemienzimatici (instabilita` del glutatione). Il farmaco e` anche controindicato nei pazienti con nota ipersensibilita` verso il prodotto o verso altri preparati nitrofuranici. Insufficienza nota della glu-cosio-6-fosfato deidrogenasi.
EFFETTI INDESIDERATI:
Si puo` verificare nausea o vomito, ma cio` puo` essere minimizzato o eliminatoassumendo il farmaco con cibo o latte o riducendo la posologia. Per trattamenti prolungati ad alte dosi e/o grave insufficienza renale si sono osservati casi di neuropatia periferica, cefalea ealtre alterazioni neurologiche. Se si dovesse verificare torpore o parestesia in qualsiasi parte del corpo, il trattamento deve essere sospeso. Sono state riferite reazioni di ipersensibilita` quali:eruzioni cutanee, piressia o epatite, associati a terapia con nitrofurantoina. L`epatite e` di tipo allergico e puo` essere associata con fattore antinucleare e sensibilizzazione linfocitaria. E` statadescritta una sindrome respiratoria con brncospasmo e/o dispnea, tosse e talvolta dolore toracico. Questi sintomi sono stati occasionalmente associati con infiltrato polmonare transitorio oversamento pleurico. Raramente sono state descritte alterazioni ematologiche (granulocitpenia, eosinofilia).
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
La sicurezza terapeutica di Macrodantin durante la gravidanza e l`allat-tamento non e` stata definitivamente accertata. L`impiego di questo farmaco in gravidanza presunta richiede che il beneficio previsto sia confrontato con i possibili rischi. In pazienti conparticolari caratteristiche genetiche (deficienza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi) proprie di alcuni gruppi etnici, in prevalenza di razza negra e piu` raramente di popolazioni caucasiche, initrofuranici, come molti altri agenti terapeutici possono determinare emolisi. La comparsa di questo segno impone l`immediata interruzione del trattamento. L`emolisi cessa alla sospensio-ne del farmaco. In pazienti trattati a lungo termine, la possibilita` di insorgenza di reazioni polmonari (polmonite interstiziale diffusa o fibrosi polmonare o entrambe) richiede un controlloperiodico di questi pazienti. Condizioni predisponenti quali danno renale (clearance della creatinina inferiore a 40 ml/min), anemia, diabete, squilibrio elettrolitico, deficienza di vitamina B emalattie debilitanti possono aumentare l`eventualita` di una comparsa di effetti indesiderati. In caso di insufficienza renale, e` necessario ridurre proporzionalmente le dosi e soprattutto distan-ziarne le somministrazioni. Analogamente ad altri agenti antibatterici, possono sovrapporsi superinfezioni; tuttavia con Macrodantin queste sono limitate al tratto genitourinario, poiche` nonsi ha soppressione della normale flora batterica in altri distretti corporei. Macrodantin non e` una sulfonamide e pertanto non e` necessario aumentare l`ingestione di liquidi; l`abbondante assun-zione di liquidi porterebbe soltanto una diluizione della concentrazione antibatterica nelle urine. Le urine dei pazienti che assumono Macrodantin possono presentare un colore giallo scuro obruno, ma questo evento e` assolutamente innocuo.
POSOLOGIA:
IMPIEGO TERAPEUTICO:
1 capsula da 50 mg o da 100 mg quattro volte al giorno se-condo il giudizio del medico. I
MPIEGO PREVENTIVO:
da un quarto a meta` della dose terapeuticasecondo il giudizio del medico.
MODALITA` DI SOMMINISTRAZIONE:
Puo` essere assunto con cibo o latte per ridurre ulteriormente even-tuali disturbi gastrici. D
URATA DEL TRATTAMENTO:
la terapia deve essere continuata almeno per una settimana e per almeno 3 giorni successivi al conseguimento di urine sterili. La permanen-za dell`infezione rappresenta un`indicazione al riesame del caso.
SOVRADOSAGGIO:
In caso di sovradosaggio si raccomanda gastrolusi (lavanda gastrica). Non si co-nosce antidoto specifico per la nitrofurantoina.


Versione Stampabile