GINESAL - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


RICERCA FARMACO

Ricerche frequenti: Nicetile | Debridat | Microser | Vertiserc | Seki Sciroppo Tosse | Klacid 500 Antibiotico |

SERVIZI E UTILITA'

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO GINESAL

GINESAL

FARMIGEA SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Flaconi: benzidamina cloridrato 0,5 g. Bustine: una bustina da 9,4 g contiene:benzidamina cloridrato 0,5 g.
ECCIPIENTI:
Flaconi: trimetilcetilammonio p-toluensolfonato; profumo di rosa rossa 5%; acquadepurata. Bustine: trimetilcetilammonio p-toluensolfonato; cloruro di sodio.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Antiflogistico non steroideo.
INDICAZIONI:
Vulvovaginiti ed esocerviciti di qualsiasi origine e natura. Profilassi vaginale pre- epost-operatoria. Igiene intima, anche durante il puerperio.
CONTROINDICAZIONI:
Ipersensibilita` individuale accertata verso il prodotto.
EFFETTI COLLATERALI:
Non sono riportati effetti collaterali dovuti all`impiego del Ginesal salvo even-tuali fenomeni di sensibilizzazione che richiederebbero l`interruzione del trattamento.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Nessuna.
INTERAZIONI:
Non note.
POSOLOGIA:
GINESAL POLVERE BUSTINE:
sciogliere il contenuto di una bustina in un litro di acqua esomministrare per irrigazione vaginale, una o due volte al giorno. Non superare le dosi consigliate e non effettuare periodi troppo lunghi di trattamento senza averne avvertito il medico.
GINESAL LIQUIDO FLACONI:
estrarre la cannula dal contenitore e separarla dal tappo di protezione.Staccare dalla striscia un flacone da ml 10. Aprire il flaconcino piegando l`aletta nel verso indicato dalla freccia. Premere il flaconcino versando il Ginesal nel contenitore da 500 ml dell`an-nesso irrigatore. Riempire il contenitore con acqua alla temperatura desiderata. Applicare la cannula al contenitore e procedere all`irrigazione vaginale. Praticare 1-2 irrigazioni vaginali al di`.Non Superare le dosi consigliate e non effettuare periodi troppo lunghi di trattamento senza averne avvertito il medico. Sciacquare l`irrigatore dopo averlo usato e conservarlo per gli impie-ghi successivi.


Versione Stampabile