Vai alla Home Page
Link Sponsorizzati

Ti trovi qui:  > >

cistalgan - Posologia, Indicazioni, Effetti Collaterali


Ricerca Fogli Illustrativi dei farmaci per nome

questa ricerca e' solo ad uno indicativo, ogni medicinale o consiglio medico deve essere necessariamente
PRESCRITTO dal proprio medico curante.

Elenco Completo Medicinali




Versione Stampabile
Nome Medicinale CISTALGAN
Descrizione RECORDATI SpA
PRINCIPIO ATTIVO:
Flavossato 200 mg; propifenazone 250 mg
ECCIPIENTI:
Carbossimetilamido, polivinilpirrolidone, cellulosa microcristallina, talco, magnesiostearato, gomma lacca, olio di ricino, gelatina, gomma arabica, silice precipitata, magnesio carbonato, titanio biossido, spermaceti, saccarosio.
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA:
Attivita` antispastica sul distretto genito-urinario.
INDICAZIONI:
Trattamento dei sintomi: disuria, urgenza, nicturia, dolore sovrapubico, incontinen-za nelle affezioni vescicali e prostatiche quali cistiti, cistalgie, prostatiti, uretriti, uretrocistiti, uretrotrigoniti. Coadiuvante nel trattamento analgesico-antispastico della calcolosi renale eureterale e dei disturbi algico spastici urinari da cateterismo e da cistoscopia. Sequele di interventi chirurgici sulle basse vie urinarie. Trattamento degli stati spastico-dolorosi delle vie geni-tali femminili come: algie pelviche, dismenorrea, ipertonia, discinesie uterine.
CONTROINDICAZIONI:
Ostruzione pilorica o duodenale, lesioni intestinali ostruttive o ileo, acalasia,emorragie gastrointestinali. Uropatie ostruttive scompensate delle basse vie urinarie. Allergia ai pirazolonici, granulocitopenia, porfiria acuta intermittente, carenza di glucosio-6-fosfato deidro-genasi.
EFFETTI INDESIDERATI:
Occasionalmente in qualche paziente puo` causare nausea o vomito, (che siriducono ingerendo il prodotto a stomaco pieno) o leggera sonnolenza (che regredisce distanziando maggiormente fra loro le somministrazioni) , secchezza delle fauci, disturbi della vista odell`accomodazione, aumento della tensione oculare, disuria, tachicardia, palpitazioni. Per la presenza di Propifenazone sono possibili disturbi gastrointestinali, fenomeni di ipersensibilita` acarico del sangue (leucopenia, raramente agranulocitosi), fenomeni di ipersensibilita` a carico della cute e delle mucose (eruzioni cutanee ecc.) nonche`, in rarissimi casi, fenomeni anafilat-tici. Le supposte possono produrre una fugace sensazione di bruciore locale in soggetti emorroidari.
PRECAUZIONI D`IMPIEGO:
Quantunque il prodotto non svolga un`apprezzabile azione anticoliner-gica si consiglia cautela nei pazienti con glaucoma.
AVVERTENZE:
Quantunque il prodotto non svolga un`apprezzabile azione anticolinergica si consiglia cautela nei pazienti con glaucoma. Per il suo contenuto in Propifenazone, il Cistalgan, a dosielevate e prolungate, puo` determinare talvolta fenomeni di ipersensibilita` che possono manifestarsi sotto forma di modificazioni cutanee e mucose, nonche` una riduzione del numero dei leucociti nel sangue e, in casi molto rari, di una agranulocitosi. In caso di comparsa di insolitedisestesie o modificazioni della cute o delle mucose e` necessario sospendere il preparato ed
interpellare il medico. Una eventuale colorazione rossa delle urine che compare durante il trattamento puo` essere dovuta alla eliminazione di un metabolita innocuo dei derivati pirazolonici,l`ac. rubazonico e non ha carattere patologico. I soggetti che guidano autoveicoli o che lavorano
alle macchine o che esercitano attivita` richiedenti prontezza, devono essere avvertiti di possibili effetti secondari come sonnolenza, annebbiamento della vista. In soggetti ipersensibili all`ami-nofenazone e suoi derivati, dosi elevate e prolungate del prodotto possono determinare danni a
carico del sangue. I derivati pirazolonici possono accentuare gli effetti dell`alcool di cui e` sconsigliabile la somministrazione comtemporanea e possono interagire con la fenitoina, con alcuniipoglicemizzanti orali (tolbutamide, clorpropamide, acetoesamide) ed anticoagulanti (Warfarin).
Quantunque le prove nell`animale non abbiano dimostrato effetti dannosi sul feto, conviene usar cautela in gravidanza, specie nel primo trimestre. I derivati pirazolonici, nel dosaggio consueto,passano solo in minima quantita` nel latte materno. Usare cautela in allattamento.
INTERAZIONI:
I derivati pirazolonici possono accentuare gli effetti dell`alcool e possono interagirecon la fenitoina, con alcuni ipoglicemizzanti orali (tolbutamide, clorpropamide, acetoesamide) ed anticoagulanti (Warfarin).
POSOLOGIA:
L`uso del prodotto e` limitato a soggetti adulti. Generalmente 1 confetto di Cistalgan2-3 volte al giorno o una supposta di Cistalgan 1-2 volte al giorno ad intervalli regolari, a seconda dell`intensita` della sintomatologia dolorosa. L`assunzione della preparazione per os deveavvenire a stomaco pieno. Non superare le dosi ed i tempi di terapia prescritti senza consultare il medico. Nel trattamento dei pazienti anziani la posologia deve essere attentamente stabilitadal medico che dovra` valutare una eventuale riduzione dei dosaggi sopraindicati.
SOVRADOSAGGIO:
Non segnalati casi di sovradosaggio


  Elenco Completo Medicinali

Link Sponsorizzati







CERCA NEL SITO