Cibo avariato nelle mense di Lagonegro e Latronico. Il Sindaco De Maria, da Gennaio parte un nuovo affido

10/10/2017 04:00:10 \\ NEWS \\ 3 Visite

Cibo avariato nelle mense di Lagonegro e Latronico. Il Sindaco De Maria, da Gennaio parte un nuovo affido Il blitz risale al 28 settembre scorso e lo hanno effettuato gli uomini dell'Arma che si sono presentati a sorpresa nel centro di cottura collocato ad Agromonte gestito dalla medesima ditta esterna che si occupa della mensa scolastica nelle località di Latronico e Lagonegro. Contestualmente sia il Sindaco di Lagonegro Pasquale Mitidieri, che Fausto Alberto De Maria, Sindaco di Latronico, emettevano rispettivamente una ordinanza di sospensione del servizio della mensa scolastica. Il primo cittadino di Lagonegro sospendeva il servizio di mensa fino al 7 ottobre visti, si legge nel provvedimento,"il verbale del Comando Carabinieri del 2 ottobre 2017, con sequestro di alimenti deperibili non conformi alle mense scolastiche e quello redatto dal SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione)'. Fausto Alberto De Maria, primo cittadino di Latronico, con il provvedimento sindacale, sospendeva fino al 9 ottobre il servizio mensa per' per ragione di tutela e salvaguardia della salute dei bambini che usufruiscono del servizio mensa'. Poi una serie di riunioni con i genitori delle varie scuole interessate, scuole dell'infanzia primaria e secondaria di primo grado dell'istituto comprensivo "B Croce'. Un caso che pare non aver sorpreso almeno una delle due amministrazioni comunali interessate, quella di Latronico. "Il servizio mensa era partito giovedì 28/09 -  sottolinea il Sindaco di Latronico, Fausto Alberto De Maria - e noi già sapevamo che c'erano difficoltà per l'azienda perché non pagava da sei mesi i dipendenti nonostante le tante promesse. Per questo motivo abbiamo messo subito sotto la lente d'ingrandimento il servizio'.Quindi vi erano state delle prime attenzione sulla circostanza. "Infatti il primo giorno c'era stato qualche piccolo disguido- continua De Maria - ma il giorno successivo l'ASP aveva già bloccato il centro cottura a Lagonegro dove si cucinava anche pasta per la scuola di Latronico. I Carabinieri con gli operatori dell'ASP, sidice, avessero bloccato il furgoncino con cui venivano portati gli alimenti senza frigorifero e quindi gli alimenti erano diventati deperibili. "Esatto - continua il Sindaco De Maria-  quella è stata la goccia, che ormai aspettavamo, che ha fatto traboccare il vaso. Subito abbiamo sospeso il servizio mensa. Abbiamo rapidamente chiesto un incontro urgente con la ditta, che si è avuta giovedì mattina nel comune di Lagonegro insieme agli amministratori di Lagonegro. Dopo un aspro dibattito, ha vinto il buon senso. Quindi si è deciso sulla risoluzione consensuale. Abbiamo fatto capire all'azienda che ormai non c'era nessuna condizione per ridare credibilità al servizio, e quindi anche nel caso che si fosse andato avanti in un contenzioso e si fosse ripreso il servizio sicuramente i genitori non avrebbero lasciato i bambini a mensa' Da qui è stata convocata una riunione con tutti i genitori delle scuole interessate di Latronico."Una riunione molto partecipata difficile da gestire, però che ha dato la possibilità di condividere insieme un percorso' La riunione ha portato alla decisione di un affido temporaneo con un nuovo bando di gara per un nuovo affidamento da gennaio. "Intanto si realizzerà per gennaio- conclude De Maria -  il nuovo punto cottura con il nuovo refettorio nella scuola di Latronico. Costo 45.000 euro finanziato per 2/3 dalla giunta regionale. Il nuovo bando sarà condiviso con i genitori che vorranno coordinarsi con la consigliere comunale Pina Parisi. In questo bando si deciderà il prezzo congruo del biglietto, le nuove condizioni per il servizio, per questo motivo sarà importante decidere insieme ai genitori'.  Oreste Roberto Lanza Oreste.lanza@basilicatanotizie.net

Continua a Leggere >>



Cosa ne pensi? Commenta qui:


Notizie Simili