Lecce: premio speciale diritti umani alla giornalista Francesca Rodolfo

05/01/2017 19:34:53 \\ NEWS \\ 19 Visite

Lecce: premio speciale diritti umani alla giornalista Francesca Rodolfo L'indiscusso impegno nel sociale, profuso nella sua attività giornalistica e nella vita di tutti i giorni, ha portato la commissione del premio speciale per i diritti umani 2016 - omaggio a papa Paolo VI, papa dell'umanità, a conferire l'alto riconoscimento alla collega del TgNorba24 Francesca Rodolfo, lucana d'origine (di Montalbano Jonico) e pugliese d'adozione. Il riferimento è all'ormai noto spot sociale andato in onda sui canali del gruppo Norba che ha visto Francesca Rodolfo come testimonial e divulgatrice dell'umanizzazione delle cure nel reparto di oncoematologia pediatrica del policlinico di Bari. Il premio, giunto alla sua 20esima edizione,  si inquadra nella più ampia manifestazione della consegna dei Premi Internazionali d'Arte Beato Angelico, e ha l'obiettivo di dare giusto risalto e vetrina, a quanti si sono maggiormente distinti in Italia e nel mondo per il proprio impegno non solo di tipo sociale, ma anche nel mondo delle arti, della scienza e della cultura. 45 gli artisti premiati, 15 le personalità che in tutta Italia si sono particolarmente distinte nell'arte nobile del sociale. Il conferimento si è tenuto nell'antico Teatro "Paisiello' di Lecce e quest'anno è stato affiancato alla figura di papa Paolo IV. "I premi dell'Arte sono intitolati al Beato Angelico - ha spiegato il vicepresidente dell'Accademia "ItalianArteNelMondo" e negli anni sono diventato un vero e proprio fiore all'occhiello del territorio pugliese prima e poi anche fuori i confini italiani e nazionali, avendo assunto ormai valenza internazionale". Intitolato invece a Papa Paolo VI, il premio speciale diritti umani 2016. "È stato il Papa umanità e della carità, vicino ai più deboli e ai bisognosi" - ha concluso Nicola Gianpaolo,  presidente Onorario dell'Accademia, Postulatore accreditato presso la Santa Sede. "Per cui chi meglio di lui, quale più bella figura potevamo scegliere, per  l'intitolazione dei premi diritti umani. Beato Papa Paolo IV ha arricchito questa edizione, rendendola di certo più carismatica e attraente". "Questo per me è più di un riconoscimento - ha concluso Francesca Rodolfo -, è uno stimolo, uno sprone a fare di più e meglio di quanto abbia fatto finora".

Continua a Leggere >>



Cosa ne pensi? Commenta qui:


Notizie Simili