E ora l'auto si acquista su Facebook

01/01/2017 07:57:52 \\ NEWS \\ 29 Visite

E ora l'auto si acquista su Facebook Hurry! sbarca sulla piattaforma social e cambia la geografia della mobilità. Fatturato record per la start up, partner di ALD Automotive, divenuta primo canale on line per auto nuove. Dalla sharing economy alla "social economy": la vendita di auto e servizi sbarca infatti su Facebook. Hurry! innovativa start up della mobilità online estende la sua presenza sulla famosa piattaforma social con una vetrina interattiva (@HurryBot) dove è possibile acquistare prodotti e servizi automotive.Con pochi click su Messenger, gli internauti, guidati in chat da un assistente virtuale, possono scegliere la soluzione più adatta e conveniente alle proprie esigenze, dalle opzioni pay per use al noleggio (di auto, suv, moto, minicar), dall'acquisto dell'usato alle varie a offerte shopping presenti sul sito.Per Hurry!, società diventata il primo portale di e-commerce dedicato al mondo della mobilità, non e' l'unica novità: a due anni dalla partenza chiude infatti il 2016 con un volume d'affari che raggiunge quota 42 milioni di euro, in aumento del 135% sul 2015 e con performance interessanti anche sugli altri segmenti: +340% per le offerte più innovative come Ricaricar, il servizio dedicato alle auto che "ricaricano" i chilometri come con la sim di un telefonino otto milioni le persone che hanno visitato il sito web a caccia di nuove offerte.Sono numeri che confermano la tendenza sempre più marcata di un nuovo modo di vivere l'automobile, dove l'utilizzo, flessibile e senza pensieri del veicolo, sostituisce la proprietà del mezzo, diventata in questi anni sempre piu' onerosa e poco conveniente. Su the-hurry.com il cliente può trovare un veicolo nuovo a partire da 4 euro al giorno. Una proposta che piace al pubblico. E' un mondo di giovani, per lo piu' laureati, ma anche di manager di mezza età e donne, l'identikit del consumatore utente tracciato dai numeri della start up. Un pubblico che sceglie online e scarta l'acquisto tradizionale per dirigersi sulle nuove forme di mobilità, e tra queste, in particolare, il noleggio a lungo termine o il pay per use dove i chilometri si ricaricano (e si pagano) a seconda delle proprie effettive esigenze (offerta "Ricaricar"). Il fattore vincente è la formula "tutto compreso": il cliente infatti deve pensare solo alla benzina perché bollo, manutenzione ordinaria e straordinaria, assicurazione RCA con copertura in caso di infortunio al conducente ed esonero da responsabilità per incendio, furto e danni al veicolo sono a carico della societa', che offre anche la possibilità del ritiro dell'usato.E che la formula abbia cambiato le abitudini degli acquirenti, lo dimostrano anche gli altri numeri del "boom" 2016: +180% per i contratti di noleggio a lungo termine +96% per gli utenti registrati sulla piattaforma mentre le interazioni sui social segnano un +172% in un anno infine +37% per le vendite on-line di veicoli usati che Hurry presenta con offerte fino al 15% inferiori alle quotazioni di "Quattroruote".Hurry!, start up al 100% italiana, opera in virtù di una partnership strategica esclusiva con ALD Automotive Italia, leader mondiale del noleggio a lungo termine e della mobilità che è garanzia della qualità dei prodotti e dei servizi offerti. La societa' ha sedi a Roma e Milano, mentre le piattaforme logistiche sono ad Aprilia, Roma (2), Milano (2), Crema, Brescia, Salerno e Agrigento.Roma, 29 dicembre 2016-- www.CorrieredelWeb.it---- Questa ed altre notizie le trovi su www.CorrieredelWeb.it - L'informazione fuori e dentro la Rete. Chiedi l'accredito stampa alla redazione del CorrieredelWeb.it per pubblicare le tue news.

Continua a Leggere >>



Cosa ne pensi? Commenta qui:


Notizie Simili